Home Tag "il manifesto"

“Cosa vuol dire un anno di virus” di Vincenzo Vita

L’Ufficio studi e ricerche della Confindustria radio e televisioni e l’Auditel hanno pubblicato un interessante studio sugli ascolti del 2020, l’anno della pandemia. L’ascolto medio dei programmi trasmessi dal piccolo schermo è cresciuto dell’11,4% sul 2019 con una media di 11,1 milioni di spettatrici e spettatori, che diventano 25,1 nel prime time (+9,3%). Prevedibilmente, il picco avvenne nella prima fase delle chiusure, quando – tra 24 e il 30 marzo- 15,3 milioni di persone fruirono della scatola nera, con un balzo di ben il 49,1% sull’anno precedente. Sei ore di esposizione al giorno, contro i quattro del ’19. Analogo e […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

“Il Tar del Lazio colpisce ancora” di Vincenzo Vita

Ancora sul tribunale amministrativo del Lazio. Non è un caso. La storia della società mediatica prima, e dell’universo digitale oggi è segnata da sentenze, ordinanze, interventi delle diverse sfere giurisdizionali. Quante volte, a causa di legislazioni incerte e tardive, le magistrature hanno dovuto sopperire alle lacune e alle incongruenze di assetti normativi travolti dagli eventi. Il Tar del Lazio è il destinatario delle controversie in materia, essendo tale prerogativa assegnata dalla legge n.249 del 1997, quella che istituì l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni. Tale rito fu sempre seguito, salvo un caso abnorme: quando nel 1999 il vecchio ministero delle […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

“Il Tar del Lazio dà due schiaffi all’Agcom. Meritati” di Vincenzo Vita

Un anno fa – come riportato ampiamente all’epoca da il manifesto (edizione del 22 febbraio 2020)- l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni condannò la Rai, comminandole una sanzione pecuniaria di un milione e mezzo di euro, per la presunta violazione di diversi punti del contratto di servizio. Si tratta, com’è noto, dello strumento pattizio che regola i rapporti tra il servizio pubblico e lo stato. Già in prorogatio e in un’ulteriore fase di riflusso moderato (quello progressista ancora non si vede, per dirla con Altan), l’Agcom con la delibera n.69/20/CONS se la prese con l’azienda di viale Mazzini. Certamente, laggiù peccati e peccatori non […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

“L’informazione né libera, né vaccinata, né rivoluzionaria” di Vincenzo Vita

Vaccino sì, vaccino no: canterebbero Elio e le Storie Tese. Purtroppo, l’informazione italiana – con le debite, ma poche eccezioni- sembra piegata, china davanti al potere reale che cerca di destreggiarsi dentro la trama del Covid-19. Anzi. Proprio mentre emergono tutte le crepe nella gestione della vicenda, a partire dalla ritirata europea di fronte alle case farmaceutiche e ai loro brevetti, sarebbe indispensabile avere almeno la garanzia di sapere e di approfondire. Se facciamo eccezione per programmi coraggiosi come Report o Presa diretta, e non molto di più, siamo sommersi da un’ondata di news spesso subalterna alle ondivaghe  e contraddittorie scelte dei […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

"Copyright, la sindrome di Stoccolma" di Vincenzo Vita

Un paio di anni fa, attorno al varo della direttiva europea n.790 sul diritto d’autore nel mercato unico digitale, vi furono vere e proprie baruffe, degne di un film di Tarantino con largo spargimento di pomodoro, quanto a durezza efferata esibita con dispendio di energie. Insulti, minacce, urla. Ora, praticamente concluso l’iter parlamentare del recepimento nel completo disinteresse, sembra tornata l’aria serena dell’ovest. Da Tarantino a Frank Capra. La posta in gioco, però, era e rimane notevole, riguardando uno dei tratti salienti del capitalismo delle piattaforme. Non è un mero gioco a due – produttori di contenuti e reti di […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

"L’avanspettacolo minore della politica" di Vincenzo Vita

Peggio di una inguardabile crisi di governo in piena pandemia c’è solo il racconto mediatico della medesima. Soffermiamoci sulla televisione. Se nella primavera del 2019 i commentatori si spingevano a decretare l’eutanasia dei talk, un anno dopo e via via fino ad ora, gli ascolti sono aumentati di un paio di milioni di utenze. Ecco, a fronte di simile incremento delle audience dovuto al lockdown, c’è da registrare amaramente l’epifania di un fenomeno già evidente nel tempo passato, ma ora giunto a soglie persino surreali. Vale a dire l‘essersi formata una granitica compagnia di giro, di quindici-venti persone, che si […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

“L’avanspettacolo minore della politica” di Vincenzo Vita

Peggio di una inguardabile crisi di governo in piena pandemia c’è solo il racconto mediatico della medesima. Soffermiamoci sulla televisione. Se nella primavera del 2019 i commentatori si spingevano a decretare l’eutanasia dei talk, un anno dopo e via via fino ad ora, gli ascolti sono aumentati di un paio di milioni di utenze. Ecco, a fronte di simile incremento delle audience dovuto al lockdown, c’è da registrare amaramente l’epifania di un fenomeno già evidente nel tempo passato, ma ora giunto a soglie persino surreali. Vale a dire l‘essersi formata una granitica compagnia di giro, di quindici-venti persone, che si […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

“Il caso Tik Tok e la coercizione democratica” di Vincenzo Vita

La terribile vicenda della giovanissima ragazza palermitana morta per un gioco estremo propagato dalla piattaforma on line Tik Tok costituisce un punto di svolta. Una rottura epistemologica, direbbe qualche filosofo. Il discorso sui limiti della e nella rete, rimasto per troppi anni un esercizio retorico, diventa ora un problema serissimo. Non si può immaginare di rinviare, sopire, troncare, a mo’ dell’eterno conte zio. Una proposta. Si istituisca una sorta di patentino digitale, come quello richiesto per condurre i ciclomotori, ad esempio. E, come ha deciso il Garante dei dati personali, per l’intanto il social in questione rimanga bloccato. Un patentino […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

“Del doman non c’è certezza, quanto è bella par condicio” di Vincenzo Vita

Comunque sia, il possibile ricorso alla scadenza elettorale è tornato nel novero delle cose di questo mondo. Sarà quel che sarà. Tuttavia, è davvero il momento di attrezzarsi con regole finalmente aggiornate, volte a preservare le pari opportunità tra le diverse forze in campo. La legge n.28 del 2000 sarà un po’ desueta per ciò che attiene alla rete, ma i regolamenti applicativi lo sono ancor di più. Tanto più in relazione all’attività di monitoraggio delle presenze in video e in voce dei vari soggetti. Le tabelle che periodicamente vengono pubblicate sul sito dell’autorità per le garanzie nelle comunicazioni appartengono […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

Recovery Plan: l’editoria è solo un inciso o una parentesi? di Vincenzo Vita

Missione 1, seconda componente del Recovery Plan: qui c’è un cenno incidentale al comparto dell’editoria e della filiera della stampa, risolto in meno di una riga. Siamo all’interno del capitolo cruciale della digitalizzazione, segnalato dall’unione europea come un punto cardine per l’assegnazione delle risorse. Ma l’universo dei giornali, alle prese con una transizione impervia, di intensità almeno omologa a quella della rivoluzione di Gutenberg, meriterebbe una trattazione specifica. Anche per dare senso ad un progetto che evoca nel titolo la ripresa e la resilienza. Quest’ultimo è un concetto importante, ancorché reso esausto dall’abuso retorico che se ne fa. Indica la […]

“La legge non è uguale per tutti. Neanche per Google” di Vincenzo Vita

Pagina 3 di 912345...Ultima »